Olio di CBD per alleviare il dolore articolare

La maggior parte delle persone usa l’olio di CBD per alleviare le condizioni croniche, in particolare i disturbi articolari come l’artrite reumatoide e l’osteoartrite. Il CBD può ridurre l’infiammazione articolare e rallentare la progressione della malattia articolare cronica.

La scienza delle applicazioni dell’olio di CBD per l’artrite

Il principale utilizzo medico è per alleviare il dolore cronico. Tra le varie condizioni dolorose in cui viene utilizzato l’olio di CBD, l’artrite reumatoide e l’osteoartrite sono le prime. In un sondaggio condotto su 1.500 consumatori medici di CBD, quasi la metà degli intervistati ha riferito di soffrire di artrite (1).

Molte persone fumano anche cannabis terapeutica per alleviare il dolore da artrite. Per questo motivo, in due sondaggi su 5.000 persone, il 20% ha fumato cannabis. Spesso hanno riportato buoni risultati, ma la maggior parte di loro ha utilizzato cannabis con livelli più alti di THC rispetto al CBD (2, 3).

Ciò solleva la questione se il CBD allevia il dolore o è un componente importante del THC. cannabis, che è responsabile della virtù. Diamo un’occhiata alla scienza del CBD per scoprirlo.

Come funziona il CBD?

Tipi di artrite

Il termine artrite include un gruppo di malattie articolari che includono infiammazione, dolore e danni alla cartilagine articolare. L’artrite può essere causata da danni meccanici ripetitivi (come l’osteoartrite), malattie autoimmuni (come l’artrite reumatoide) o malattie (come l’artrite psoriasica) (4, 5).

Anche se non esiste una cura per l’artrite, il trattamento può alleviare il dolore, ridurre l’infiammazione e rallentare la progressione della malattia. Vediamo come il CBD può aiutare.

Attivazione del sistema endocannabinoide

Il sistema endocannabinoide è costituito da due recettori: CB1 e CB2. I cannabinoidi prodotti naturalmente dall’organismo, come l’anandamide e il 2-AG, si legano a questi recettori e li attivano. Sebbene il CBD blocchi i recettori CB, aumenta i livelli di anandamide, prevenendo la scomposizione dell’anandamide (6, 7, 8, 9, 10).

Due studi su esseri umani e cani hanno scoperto che gli animali con artrite reumatoide o osteoartrite avevano livelli più elevati di recettori CB e alcuni cannabinoidi nelle articolazioni. Ciò suggerisce che il corpo sta attivando il sistema endocannabinoide per combattere l’artrite. Di conseguenza, aumentare la quantità di cannabinoidi può essere una buona strategia terapeutica (11, 12).

In effetti, due attivatori sintetici CB2 hanno ridotto l’infiammazione e il danno articolare nei topi con artrite reumatoide e osteoartrite (13, 14, 15).

Inoltre, un bloccante enzimatico che scompone l’anandamide (FAAH) riduce il dolore da osteoartrite nei ratti e nelle cavie. L’anandamide sembra funzionare attivando il recettore CB1, poiché il blocco di questo recettore ha impedito gli effetti analgesici dell’anandamide (16).

Riepilogo: l’olio di CBD può ridurre l’infiammazione nell’artrite aumentando l’attività e i livelli di cannabinoidi naturali. come l’anandamide.

Bloccare le vie del dolore

Il CBD attiva un recettore (TRPV1) coinvolto nel dolore infiammatorio. Sebbene questo recettore provochi dolore articolare nei ratti con artrosi, la sua attivazione da parte del CBD o della capsaicina presente nei peperoncini riduce la percezione del dolore (10, 17, 18, 19).

Il CBD si lega anche a un altro recettore con una funzione simile nel dolore infiammatorio (TRPA1). L’attivazione di questo recettore (così come TRPV1 e CB2) da parte di un cannabinoide sintetico riduce l’infiammazione nelle cellule prelevate da pazienti con artrite (20, 21).

Un altro obiettivo del CBD – GPR55 – è stato principalmente studiato per il suo ruolo nell’infiammazione intestinale. Tuttavia, la sua attivazione da parte del composto sintetico CBD ha anche ridotto il dolore nei ratti artritici (22, 23).

Conclusione: il CBD può proteggere le articolazioni bloccando le vie del dolore infiammatorio.

Riduci l’infiammazione

Il CBD è un potente agente antinfiammatorio. Blocca il nodo infiammatorio primario NF-kB, attiva l’antinfiammatorio PPAR-gamma e previene la degradazione del composto antinfiammatorio adenosina (24, 25, 26).

Negli animali con artrite, il CBD riduce la produzione di due farmaci antinfiammatori, le citochine (IFN-gamma e TNF-alfa). Negli animali con altre malattie infiammatorie, ha anche diminuito i livelli di sostanze infiammatorie (IL-1-beta, LL-6, ossido nitrico e prostaglandine), aumentando i livelli di due citochine antinfiammatorie (IL-4 e IL-10) 27, 28, 29, 30, 31, 32).

Riepilogo: l’olio di CBD può proteggere le articolazioni potenziando i composti antinfiammatori e bloccando le vie infiammatorie primarie.

Soppressione di una risposta autoimmune

Inoltre, il CBD impedisce alle cellule T di dividersi, migrare verso siti di infiammazione e produrre citochine che promuovono l’infiammazione. Ciò è particolarmente vero per i tipi di artrite autoimmune, come l’artrite reumatoide, o se la condizione è causata da malattie autoimmuni come la psoriasi, la celiachia e il lupus.

Quando funziona il CBD?

Dati della ricerca sugli animali

Osteoartrite

L’osteoartrosi è una malattia degenerativa cronica in cui ripetuti danni alle articolazioni dovuti a usura, deformazioni o lesioni portano a infiammazioni e danni alle articolazioni. La terapia per questa condizione di solito si concentra sulla riduzione dell’infiammazione e sull’alleviamento del dolore (4, 5).

Nei ratti con questo tipo di artrite, il CBD applicato sulla pelle ha ridotto l’infiammazione e rallentato la progressione dell’osteoartrite. in una fase iniziale. Negli animali con osteoartrite progressiva, il CBD iniettato nel sito dell’infiammazione riduce la sensibilità al dolore e aumenta la forza articolare (39).

Nei cani, il CBD orale allevia il dolore, ma non influisce sulla mobilità e la forza degli arti. giunti.

Anche se l’osteoartrite è una condizione cronica, questi studi hanno testato il CBD per un massimo di 19 giorni. Anche un trattamento più lungo può essere efficace perché il CBD ha ritardato gli effetti nei topi con altre malattie infiammatorie a cui è stato somministrato il composto per un massimo di 8 mesi.

Artrite reumatoide e autoimmunità

L’artrite reumatoide è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario del corpo attacca le articolazioni, provocando infiammazioni e danni. In questo caso, il blocco della risposta autoimmune può portare a risultati migliori.

Nei topi con questa malattia, il CBD per via orale o iniettabile riduce l’infiammazione e rallenta il progresso del danno articolare. Il CBD ha anche impedito la proliferazione e il rilascio di citochine infiammatorie (TNF-alfa e IFN-gamma) da parte dei linfociti T e delle cellule sinoviali (27).

Applicato sulla pelle, il gel CBD riduce il gonfiore articolare, il dolore e i livelli di marker infiammatori come il TNF-alfa nei nervi nei ratti con artrite reumatoide (28).

Inoltre, i composti sintetici legati al CBD riducono anche l’infiammazione, il dolore e il dolore alle articolazioni nei topi e nei ratti con questo tipo di artrite (23, 43, 44).

Riepilogo: studi sugli animali dimostrano che l’olio di CBD allevia i sintomi sia dell’artrite reumatoide che dell’osteoartrite. e può prevenire il peggioramento della malattia.

Ricerca clinica

Finora non sono stati condotti studi clinici sugli effetti del CBD sull’artrite negli esseri umani. Il primo studio sul CBD, sia da solo che in combinazione con il THC, è attualmente in corso in persone con artrite reumatoide e spondilite anchilosante (45).

Spray orale contenente CBD e THC In un piccolo studio su 58 pazienti con artrite reumatoide, sono state contenute quantità uguali, dolore e rigidità mattutina sono stati ridotti, mentre la qualità del sonno è stata migliorata (46).

>

Il CBD è stato in grado di indagare sull’eccessiva divisione delle cellule della pelle. prevenuto, come nel caso della psoriasi, e il gel CBD ha alleviato la psoriasi in un piccolo studio su 5 persone. Ciò suggerisce che l’olio di CBD applicato sulla pelle può aiutare a prevenire le riacutizzazioni della psoriasi e quindi impedire che si sviluppi in artrite psoriasica.

Olio di CBD per il trattamento dell’artrite

dosaggio

Poiché il CBD non è stato ancora testato negli studi clinici per questa applicazione, non è stata dimostrata l’efficacia della dose. Possiamo solo stimare la dose ottimale in base all’esperienza e alle raccomandazioni dei produttori e dei blog medici.

In generale, si consiglia di iniziare con una dose bassa (da 5 a 10 mg due volte al giorno) e di aumentare gradualmente questa dose fino a ottenere l’effetto desiderato. La maggior parte delle persone prova sollievo a una dose di 20 mg due volte al giorno e la dose può essere aumentata a 80-100 mg per il dolore intenso. Se il CBD da solo non funziona, potrebbe valere la pena provare farmaci con CBD e THC.

Un altro modo è stimare la dose in base ai dati di studi sugli animali. Tuttavia, va notato qui che la quantità di principio attivo per chilogrammo di peso corporeo semplicemente non può essere trasferita a una persona. A causa di numerose differenze fisiologiche, esistono formule di conversione in cui la quantità di principio attivo per chilogrammo di peso corporeo è significativamente inferiore a quella degli animali. È anche importante ricordare che la dose corretta dipenderà anche dal peso, dall’intensità del dolore e dalla tolleranza al CBD.

Come utilizzare

La forma preferita di CBD dovrebbe essere selezionata in base al tipo e alla distribuzione del dolore (49).

Le forme di dosaggio applicate sulla pelle sono una buona opzione per il trattamento dell’artrite poiché possono essere applicate direttamente su aree mirate. Queste forme di dosaggio sono più utili per dolori articolari localizzati e infiammazioni.

Le forme di dosaggio orale distribuiscono il CBD in tutto il corpo. Capsule e tè rilasciano il contenuto di CBD più lentamente e quindi durano più a lungo. Pertanto, sono la scelta migliore per il dolore persistente.

Vaporizzatori, spray orali e tinture oleose forniscono un sollievo temporaneo più rapido. Queste forme di dosaggio sono la scelta migliore per l’insorgenza improvvisa di dolore acuto.

Rapporti sull’esperienza

Le persone che usano l’olio di CBD per i dolori articolari hanno maggiori probabilità di soffrire di artrosi reumatica. Artrite e artrite psoriasica. Questi utenti sono generalmente molto soddisfatti del CBD e spesso riferiscono che il CBD ha ridotto il dolore e migliorato la qualità della vita. Tuttavia, ci sono anche utenti che non avvertono alcun effetto.

Conclusione

L’olio di CBD è un composto antinfiammatorio sicuro che può essere utilizzato da molte persone con disturbi articolari e artrite. Sono in fase di sviluppo studi clinici per indagare sull’efficacia dell’olio di CBD nell’artrite reumatoide e nell’osteoartrite.

Sulla base dei dati di studi sugli animali, i sintomi dell’artrite da CBD possono essere più naturali con livelli più elevati di cannabinoidi come l’anandamide bloccano le vie del dolore, sopprimono le risposte autoimmuni e riducono l’infiammazione. Per questo motivo, può anche aiutare le persone con forme di artrite causate da altre malattie autoimmuni, come la psoriasi o il lupus.

Le forme di dosaggio come creme, gel e lozioni che vengono applicate sulla pelle sono buone opzioni per dolori articolari localizzati e infiammazioni. Per dolori e infiammazioni gravi, le forme di dosaggio applicate sulla pelle possono essere utilizzate anche con capsule di olio di CBD. , tinture o altri agenti orali. Le forme di dosaggio possono essere combinate per un effetto più forte e duraturo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *